ANNA GILI

LA PAROLA AL DESIGNER Il guardare fuori apre la vista su ciò che ci circonda, sul mondo esterno. Se guardo dentro di me cerco di mettere a fuoco un paesaggio interiore, meno tangibile di quello che osservo esternamente. In realtà cerco di visualizzare quello che sento attraverso l’associazione di immagini nell’ immediato volgere lo sguardo…

Read More

OGGETTI AMBIENTALI

STRUTTURE E MODELLI PER L’ARREDAMENTO DEL PAESAGGIO Le caratteristiche formali dei disegni d’arredo e di abbellimento degli spazi esterni esprimono, nell’epoca moderna, le soluzioni dei linguaggi strutturali con cui l’arte seriale e programmata stabilisce un dialogo e un confronto con le presenze organiche della natura, che vive intorno alle cose dell’uomo. La memoria dell’archeologia industriale…

Read More

IL CODICE DELLA SCENA PAESAGGISTICA

ANNOTAZIONI DI ARCHITETTURA AMBIENTALE Ci identifichiamo nella dimensione globale di un vasto panorama visivo attraverso le scale salienti della percezione, che ci conducono gradualmente dall’isolato insediamento in villa al giardino del suo immediato intorno, cosi come dal parco che avvolge generalmente questo sistema circoscritto all’intero paesaggio, che giustifica l’intero assetto formale del nostro territorio. Assumiamo…

Read More

The Cube

The Cube rende protagonisti gli emergenti del mondo della moda e del design grafico, fotografico e industriale. The Cube nasce dal desiderio di concentrare l’attenzione sul valore progettuale delle iniziative creative dei giovani e di amplificarne le potenzialità. The Cube è la scenografica installazione e il salotto culturale e letterario che, sotto il porticato di…

Read More

Anna Gili, Anima House

Il design italiano incontra la tradizione. All’interno della residenza nobiliare Villa Grismondi Finardi di Bergamo, Anna Gili interpreta il “dialogo muto” degli oggetti, provenienti da discipline e culture diverse, nell’incontro tra design, arte e architettura storica.

Read More

Milano Makers, Macef 2013

MIMA FAIR: l’esposizione, realizzata con il sostegno di Acropoli, dei produttori indipendenti di design all’interno dell’installazione progettata da Duilio Forte [Atelier Forte] al Macef – Opera Italiana a cura di Carlo Amadori. Un confronto che offre l’occasione alle giovani proposte di esprimere il valore del made in Italy svelando le nuove forme del design, dell’artigianato…

Read More

RITRATTO MINIMALISTA

QUANDO IL SEGNO RICONDUCE LA REALTÀ ALL’ESSENZIALE, NELL’EVIDENZA DELLA FORMA. Ritratto minimalista: rappresentazione fedele ma sintetica della realtà, forma di scrittura in cui il segno grafico rappresenta l’oggetto della visione sfruttando la naturale capacità dell’uomo di ricordare le informazioni se trasformate in immagini-icona, che nella società contemporanea vanno ad affiancarsi al linguaggio del ritratto tradizionale….

Read More

ANNA GILI

LA PAROLA AL DESIGNER “Dipingere il proprio viso ogni mattina allo specchio è il primo ritratto che si fa di noi stessi. Dal teatro Kabuki alla body art, al trucco rituale delle culture tribali, la relazione tra il corpo umano e la maschera è una necessità di carattere antropologico. Dal progetto del viso umano all’abito,…

Read More

PER UNA FISIONOMIA DELL’ARREDO CONTEMPORANEO

EFFIGIE E FIGURA NEL MOBILE MODERNISTA. Si evidenzia, nel mercato globale del mobile d’oggi, l’insorgere del fenomeno inatteso e originale del “restyling”, che affida ad un artigianato post-industriale i destini della riqualificazione strutturale e visiva delle forme desuete del modernariato. La remota produzione oggettistica, relativa agli anni compresi tra il 1930 e il 1950, viene…

Read More

LA CITTÀ FUTURA

FISIONOMIA URBANA DELL’ABITARE. L’espressione del volto umano si assimila da sempre all’immagine dell’architettura della città, storica e metastorica. La città che intendiamo costruire, vivere e interpretare nello scenario del nostro tempo. È soprattutto la cultura della città ideale a prevalere, in tal senso, sulla prassi della città edificata, laddove l’utopia della ragione pura si misura…

Read More
5 of 6
123456