Daniele Boi: la forma dell’assenza

L’opera scultorea come anima di vuoti interiori. Assenza che trasmuta, restituendosi in forma scultorea. Ecco l’opera di Daniele Boi. Quest’artista ventiquattrenne ribalta l’idea classica e fisica di scultura per giungere alla scultura in quanto modellazione dello spazio interiore, della mancanza insita in ogni essere umano. Allorché lo spettatore diviene capace di vivere l’abbandono del proprio…

Read More

Il modello della metamorfosi

Un viaggio moderno nell’insondabile sfera estetica del cambiamento. Laura Pelosio percorre il tragitto emblematico del metabolismo risvegliando il mito remoto della trasformazione intima ed estetica della forma naturale, deducibile attraverso i simboli delle proprie  ermetiche e molteplici espressioni. Il significato della sua ricerca incontra dunque la logica e l’enigma di una rivisitazione emarginata e pure…

Read More

Abito Sonoro

Abito Sonoro come emissione di suoni: eco e rimbombo dei fruscii e degli stati emotivi della persona che lo indossa. Abito Sonoro come strumento musicale a percussione. L’Abito Sonoro attraverso la geometria di un grande origami diviene forma e struttura, abito e abitacolo di chi lo utilizza. L’Abito Sonoro è anche in relazione con le…

Read More

Forma

Il Sito della Forma La “logica-poetica” della dimensione plastica si associa inevitabilmente alla simultaneità della sua genesi e all’agevolezza della sua definizione nel campo degli eventi fisici della terra: di tali acquisizioni e di tali fondamenti si nutrono le stesse Arti dell’uomo, che si manifestano globalmente nel percorso cronologico ed epocale della sua affermazione e…

Read More

Il Nuovo Pegaso

La forza  dinamica della massa plastica distingue la cifra stilistica ed espressiva che Mario Vassanelli associa all’estetica  del movimento,  traducendo nella scultura  i contrasti e le sensibili tensioni delle  forme  organiche del suo  mondo naturale. La vita di questi volumi acquisisce magici momenti istantanei, che alludono allo scatto e all’improvvisazione del sobbalzo, per il tramite…

Read More

Il canto della natura nell’arte di Giuseppe Rivadossi

Giuseppe Rivadossi esprime il proprio sentimento per la vita, rendendo del suo Mestiere il codice di un linguaggio universale: nel suo mondo la naturalezza individua le qualità radicali dell’uomo, che definisce il suo rapporto spirituale con l’esistente. Il Maestro “scolpisce” così il suo tempo, ricongiungendo alla globalità il pensiero individuale ed evocando la forma di…

Read More

Forma e struttura

Consistenza e destino della  futura configurazione solida La sintesi di ogni pensiero estetico e percettivo si esprime da sempre, nel campo concreto del linguaggio oggettuale,  nei volumi e nelle sagome che imprimono caratteristica , codice e messaggio, all’interno della  molteplice realtà  del mondo visibile.  Possiamo così ancora considerare la forma come sintassi e come linguaggio…

Read More

L’esperienza della Forma

Il Pianeta ignoto della forma e della percezione visiva. L’”Isola dell’Arizona” di James Turrel Il Roden Crater project, ideato e realizzato dall’artista californiano James Turrel, ci consegna indubitabilmente l’esperienza, senza precedenti,  che trasforma un cratere vulcanico estinto in un’immensa opera d’arte, in cui si colloca un vero e proprio “monumento alla percezione”, oggi custodia di grande…

Read More

Lo spazio come luogo

L’idea dello spazio è nell’attualità custodia insopprimibile delle nostre strutture e delle nostre forme, di cui il vuoto magico è sito e regia nello stesso tempo. Questa dimensione universale accoglie nel suo ambito le espressioni e i linguaggi dell’arte, del design e dell’architettura,  costruendo il progetto e il destino di ogni patrimonio estetico che l’uomo…

Read More
3 of 7
1234567